Blog di Urban Sketching e Disegno

Come costruire un cavalletto portatile per dipingere

Come costruire un cavalletto portatile per dipingere, seguendo il progetto di James Gurney, che ho realizzato con l’aiuto di Emanuela (@woodcheaps).

Quando dipingo all’aperto non so mai dove appoggiare i materiali, e mi ritrovo sempre in posizioni molto scomode con lo sketchbook in mano, il contenitore dell’acqua appoggiato per terra e i colori appoggiati sulle gambe.

L’ideale quando si disegna o dipinge è avere tutto sotto mano e vicino al campo visivo, ecco quindi perchè un cavalletto è molto utile.

In vendita ce ne sono molti, ma sono tutti piuttosto grandi e scomodi da trasportare. Lo scopo di questo cavalletto è di essere leggero e facilmente trasportabile.

Come costruire un cavalletto portatile per dipingere

Per costruire il cavalletto potete seguire i passaggi che ho scritto qui sotto. Non ho coperto tutto il procedimento nel dettaglio perchè il tutorial del progetto originale è venduto da James Gurney su Gumroad.

Si tratta comunque di un lavoro piuttosto semplice, ma se avete bisogno di più dettagli vi invito ad acquistare la sua guida o di visitare il suo blog.

Materiali

Di tutto questo materiale, le cose più difficili da reperire in Italia sono le cerniere con frizione e il dado a T con filetto 1/4″-20, che è la misura standard per le teste dei treppiedi. Io li ho comprati su Amazon spendendo un po’ troppo, ma non ho trovato alternative.

Procedimento per costruire un cavalletto portatile per dipingere

Taglio del legno

Per prima cosa, occorre tagliare il compensato a misura. Con la sega da legno tagliate due pezzi da 28x13cm, che saranno le due metà del cavalletto.

Con la carta abrasiva più grezza stondate gli angoli, e con quella più fine rifinite i bordi, arrotondandoli.

Ricavo delle sedi per le cerniere

Scegliete i lati lunghi più dritti dei due pannelli che avete ritagliato e segnate su entrambi la posizione delle due cerniere che serviranno ad aprirli. Con una matita potete tracciare il contorno della parte di cerniera che andrà avvitata nel legno. Il risultato finale dovrà essere questo:

Una volta segnata la posizione, procedete con molta calma con uno scalpello per creare le sedi delle cerniere del legno.

I solchi che ho realizzato profondi come due strati di compensato, l’ideale sarebbe farli profondi almeno 3, per fare in modo che le cerniere siano a filo con il piano del legno, ma non volevo indebolire troppo la struttura.

Per non rovinare il legno fate un solco con lo scalpello lungo tutto il perimetro della parte da scavare. Entrate fino alla profondità del primo strato di compensato e poi rimuovetelo con delicatezza. Ripetete il processo per il secondo strato. Il risultato sarà questo:

Appoggiate le cerniere nelle loro sedi, segnate i punti dove andranno inseriti i bulloni e praticate i fori necessari, stando attenti a non rompere il legno.

Realizzazione del buco per il dado a T

Una volta terminati i 4 incavi per le cerniere, identificate quale sarà il pannello superiore e quale quello inferiore. Procedete a realizzare un buco esattamente al centro del pannello superiore, della dimensione esatta per introdurre il dado a T.

Con uno scalpello e molta pazienza (a meno che non abbiate una punta del trapano adatta), scavate un incavo circolare di 1mm di spessore e del diametro del dado a t per permetterle di non sporgere dal legno.

Il dado a T va inserito nella parte interna del pannello.

L’incavo va scavato nella parte interna del pannello. In questa immagine si vedono anche le sedi delle cerniere con i buchi per i bulloni.

Inserimento dei magneti

I magneti vanno inseriti nel pannello inferiore del cavalletto portatile. Il loro scopo è tenere fermi la palette dei colori, i contenitori d’acqua e qualsiasi accessorio di metallo che usate per dipingere.

Io ne ho messi circa 50, sembrano tanti ma il procedimento è molto veloce.

Disegnate 3 righe orizzontali nella parte interna del pannello inferiore, e su ogni riga fate dei segni a 15mm di distanza l’uno dall’altro. Con un trapano dalla punta larga 5mm scavate un piccolo buco di 1mm di profondità in ognuno dei segni che avete disegnato sul pannello.

Riempite ogni buco con della colla per legno e inserite i magneti nelle loro sedi. Vi conviene fare questo passaggio poco alla volta per evitare che la colla asciughi prima di aver messi i magneti.

Pittura dei pannelli del cavalletto portatile

Prima di inserire il dado a T e le cerniere, date due mani di vernice per legno a entrambi i pannelli. Seguite le istruzioni della vernice che userete.

Io ho applicato una prima mano di vernice, ho aspettato che asciugasse per 3 ore e ho poi applicato la seconda mano. Infine ho lasciato asciugare per 24 ore.

Fissaggio cerniere con frizione e dado a T

Una volta che la vernice è asciutta, inserite il dado a T e martellatelo nel buco. Non martellate direttamente il dado, perchè rischiereste di rovinare il pannello, ma mettete un blocchetto di legno tra il dado e il martello.

Questo dado servirà a fissare i pannelli su un treppiede, trasformandolo in un vero e proprio cavalletto per dipingere.

Posizionate le cerniere e fissatele con i bulloni. La parte di cerniera con il bullone nero che serve a regolare la resistenza della cerniera stessa va posizionata nel pannello inferiore (fate riferimento alla foto dei magneti per capire come va posizionata)

Taglio dei bulloni

Ora il cavalletto è praticamente finito. Potete utilizzarlo così com’è, ma con molta probabilità i bulloni che avete utilizzato per fissare le cerniere sporgeranno troppo dal retro.

La soluzione è di tagliarli a livello con i dadi. Con un flessibile se ce l’avete, oppure con un seghetto da ferro. Una volta tagliata l’eccedenza, levigatela bene per evitare ditagliarvi o di strappare i tessuti dello zaino in cui lo trasporterete.

I bulloni prima e dopo essere stati tagliati.

Sostituzione del bullone di regolazione delle cerniere

Quando proverete a chiudere il cavalletto, vi accorgerete che i bulloni di regolazione delle cerniere (quelli neri) sporgono troppo e non permettono la completa chiusura. La soluzione è di sostituirli con dei bulloni della stessa misura, ma a testa piatta.

Risultato finale

Ecco il cavalletto terminato. Nella parte bassa con i magneti potrete appoggiare la vostra attrezzatura, nel pannello superiore invece potrete appoggiare sketchbook o tavole da disegno.

Potrete attaccare un treppiede fissandolo alla parte posteriore della vite a T.

Le cerniere con frizione permetteranno al cavalletto di rimanere aperto all’angolazione che preferite.

Il cavalletto portatile per dipingere completato

Newsletter e Commenti

Iscrivetevi alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti del blog! Vi arriverà una mail al mese con gli ultimi post pubblicati.

Che cavalletto usate per dipingere all’aperto? Ci sono passaggi poco chiari? Scrivetelo nei commenti!

Questo post potrebbe contenere link di affiliazione. Per saperne di più

Precedente

Studio a gouache di un dipinto di Arthur Streeton

Successivo

Urban Sketching al mare: prova del nuovo cavalletto a Punta Chiappa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi