Blog di Urban Sketching e Disegno

Viaggio a Tremosine sul Garda

Dal 7 al 10 maggio sono stato a Tremosine sul Garda, un comune composto da 18 frazioni su un altopiano a strapiombo sul lago di Garda.

Lungo il viaggio di andata, mentre Eva guidava, ho provato a catturare i panorami dei posti che attraversavamo.

Tenendo in bilico sketchbook, acquerelli e contenitore dell’acqua sulle gambe, tra svincoli dell’A4, pause in autogrill e tornanti infiniti, ho creato un piccolo sotoryboard del viaggio di andata.

Storyboard di viaggio, matita e acquerello su carta Saunders Waterford.

Una volta arrivati a destinazione ho archiviato gli acquerelli per dedicarmi alle gouache, cercando di mettere in pratica le tecniche imparate durante PleinAirpril.

Escursione sul Monte Carone

Durante la prima escursione sul Monte Carone sono riuscito a dipingere un paio di studi: uno sperone di roccia e una vista sul lago con delle rocce in primo piano.

Per tutti i dipinti con le gouache ho utilizzato uno sketchbook realizzato con carta kraft 280gsm.

Viste dal monte Carone, gouache su carta kraft.

Escursione sulla strada del Ponale

Domenica siamo invece andati ad esplorare la strada del Ponale, una vecchia strada costruita a fine ‘800 per collegare Ledro a Riva del Garda, trasformata in sentiero nel 2004.

Il percorso è spettacolare. Molto semplice da percorrere, è scavato nella roccia a picco sul lago. Un’opera mastodontica ai tempi della costruzione che ancora oggi rimane impressionante.

Purtroppo di impressionante c’era anche la folla che la percorreva a piedi e in bicicletta, ma sono riuscito a dipingere uno scorcio della strada vista dalla Tagliata del Ponale, un fortino costruito in posizione elevata.

Strada del Ponale vista dalla Tagliata del Ponale, gouache su carta kraft.

Dipingere in agriturismo

Dopo il bagno di folla del pomeriggio di domenica, abbiamo deciso di passare la serata e il giorno successivo nei dintorni dell’agriturismo dove alloggiavamo (Al Franet, consigliamo!).

Ne ho approfittato per fare piccoli studi mentre Eva andava a caccia di capre, mucche e cavalli con cui giocare.

Scorci di strade e sentieri di Tremosine sul Garda e dell’agriturismo Al Franet, gouache su carta kraft

Dipingere all’aria aperta è sempre un piacere, ed è molto più coinvolgente come esercizio rispetto al dipingere seduti alla scrivania con una foto di riferimento. Spero di poter replicare presto l’esperienza.

Newsletter e Commenti

Iscrivetevi alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti del blog! Vi arriverà una mail al mese con gli ultimi post pubblicati.

Come ve la cavate con la pittura en plein air? Quali sono le vostre tecniche preferite? Scrivetelo nei commenti!

Questo post potrebbe contenere link di affiliazione. Per saperne di più

Precedente

PleinAirpril 2021: come studiare dipinti di paesaggio

Successivo

Non essere pigro quando disegni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi