Blog di Urban Sketching e Disegno

Studio a gouache di un dipinto di Arthur Streeton

Studiare i maestri del passato come Arthur Streeton è un ottimo modo per imparare e migliorare la propria tecnica. L’avevo già fatto ad Aprile con le opere di Edgar Payne, e avevo lavorato in piccolo formato, circa 6cm per lato.

Per questo dipinto, invece, ho lavorato più in grande, dipingendo uno studio in bianco e nero ed uno a colori di 17cm per lato.

The purple noon’s transparent might

Arthur Streeton, “The purple noon’s transparent might”, olio su tela, 1896

Arthur Streeton dipinse The purple noon’s transparent might nel 1896. Ci mise due giorni a finirlo, sotto il cielo australiano e una temperatura di 42°C all’ombra.

Il luogo è il fiume Hawkesbury, vicino a Richmond, a 60 km da Sydney. Il luogo era già meta di diversi artisti dal 1880, ma Streeton fu il primo a trovare una terazza naturale che dava sul fiume e mostrava le Blue Mountains in lontananza.

L’artista australiano Lionel Lindsay commentò così l’opera:

Ogni suo gesto è sicuro e pieno di carattere. Non c’è pittura nel colore bagnato, nessun arrabattarsi con l’indefinito, eppure in quei gesti precisi risiede un mistero di valore e luce più profondo di ogni formula romantica sull’evasione del disegnare…

Chi, se non Streeton, guardando verso il fiume Hawkesbury dalla terrazza attraverso quelle distanti pianure, avrebbe potuto immaginare ciò che vide?

Intuire le possibilità di un’immagine, le sue forme e la sua luce, il suo carattere e la sua composizione in un campo così vasto, richiedeva l’intuizione di un genio.

Lionel Lindsay

Il mio studio a gouache del dipinto di Arthur Streeton

Ispirato da questo dipinto, mi sono messo a fare uno studio, ben più rapido del tempo che ci mise lui per dipingere il suo capolavoro.

Ho iniziato con uno studio in bianco e nero, utilizzando le gouache su un foglio di carta normale (non di cotone) da 300gsm. In questo modo ho studiato la composizione dell’immagine e la luminosità delle forme di cui è composta.

Ci ho messo circa 1 ora per realizzarlo.

Dopodichè ho lavorato alla versione a colori.

Ho usato una palette di 6 colori primari, cioè giallo, rosso e blu nelle loro declinazioni fredde e calde, più il bianco.

Ho impiegato un paio d’ore per concluderla, ecco un time lapse del procedimento. SOno partito sbagliando subito la tonalità del cielo, vedrete nel video che lo ritocco più volte per shiarirlo fino a una tonalità più vicina all’originale.

Il risultato finito è molto più saturo dell’originale, ma sono soddisfatto di come ho reso alcune zone del fiume e l’armonia generale dei colori.

Dato che online si trovano molte versioni ad alta risoluzione dell’originale, le analizzerò per studiare meglio le pennellate e gli accostamenti di colore utilizzati da Streeton.

Il dipinto originale lo potete trovare anche stampato nel libro Color and Light di James Gurney, che ho usato come riferimento.

Newsletter e Commenti

Iscrivetevi alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti del blog! Vi arriverà una mail al mese con gli ultimi post pubblicati.

Come affrontate gli studi dei dipinti dei maestri del passato (o del presente)? Ne avete mai fatto uno? Scrivetelo nei commenti!

Questo post potrebbe contenere link di affiliazione. Per saperne di più

Precedente

Sketch di fari e scogliere a matita e acquerello

Successivo

Come costruire un cavalletto portatile per dipingere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi