Blog di Urban Sketching e Disegno

Dipingere una barca: il varo di Laguna

Sabato 22 maggio 2021 c’è stato il varo di “Laguna“, una barca di legno fatta a mano con una storia tutta particolare.

La storia del sandolo s’ciopon Laguna

“Laguna” è un sandolo s’ciopon veneziano costruito da Saul Hoffmann e Ioanna Moutousidi nel cantiere navale di Albaola, nei Paesi Baschi. Sembra che in tutto questo ci sia poco di veneziano, ma la storia è un po’ più lunga, ed è riassunta nel nome della barca.

Saul ha vissuto per 5 anni a Venezia. Quando lo andavo a trovare mi portava in giro per le calli come se fossero i corridoi di casa sua, e ha sempre avuto la passione per le barche tradizionali e la voga. Dato che a Venezia, strano a dirsi, non esiste una scuola di maestri d’ascia, ha espanso le sue ricerche fino a trovare Albaola, al confine tra Francia e Spagna. Dopo più di due anni di studi ha deciso di costruire questa tipica barca veneziana con l’aiuto di una sua collega greca.

Laguna in costruzione – immagine da https://acquastanca.eu

Tutta questa storia di passioni, connessioni e collaborazioni è riassunta nel nome del sandolo: “Laguna” infatti, oltre a indicare la laguna di Venezia, significa “amico” in basco.

Il sandolo s’ciopon Laguna prima del varo, con una vela per fare scena – immagine da https://acquastanca.eu

Se Saul tornerà a venezia a chiudere il cerchio, magari costruendo un pataxte basco, non lo sa nemmeno lui, ma se volete seguirlo e sapere di più sulla costruzione di Laguna, lo trovate sul suo blog: acquastanca.eu

Dipingere una barca ad acquerello

Mentre seguivo la diretta del varo ho deciso di immortalare Laguna in un acquerello.

Avevo intenzione di fare un disegno a penna e poi colorarlo, ma ho preferito iniziare con i colori e una volta terminato ho scoperto che la penna non era più necessaria.

La parte più complessa è stata azzeccare le forme della barca, che è tutta una serie di curve. Mi sono aiutato con qualche misurazione a occhio, cercando di usare come riferimento ogni spigolo che potessi trovare, come ad esempio i due rialzi a prua e tutte le assi che percorrono la barca nella sua larghezza.

Le zone cerchiate sono gli spigoli che ho trovato per calcolare le misure e le proporzioni

Dopo aver tracciato il disegno a matita l’ho ripassato con una matita colorata gialla e sono passato agli acquerelli.

Per prima cosa ho colorato la barca, utilizzando giallo indiano e rosso ossido trasparente. Una volta asciutto il primo passaggio ho usato un misto di blu oltremare, blu ftalo e verde ftalo per colorare la parte esterna della barca e l’acqua.

Ho volutamente fatto scomparire il bordo tra il fondo della barca e l’acqua, unendo tutto in un’unica macchia di colore uniforme. È una delle tecniche che preferisco per semplificare un dipinto, e consiste appunto nell’unire in un’unica forma monocromatica due zone che hanno un livello di luminosità simile.

Newsletter e Commenti

Iscrivetevi alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti del blog! Vi arriverà una mail al mese con gli ultimi post pubblicati.

Vi è mai capitato di assistere al varo di una barca? Quali tecniche usate per disegnare e dipingere le barche? Scrivetelo nei commenti!

Questo post potrebbe contenere link di affiliazione. Per saperne di più

Precedente

Non essere pigro quando disegni

Successivo

Dynamo Dream, disegnare la locandina di un film

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi